+39 0172 44624

Innovazione digitale

Innovazione digitale


Aggiornamento sulla didattica digitale

Il mondo attorno a noi cambia  velocemente e la scuola deve adattarsi al cambiamento trasformandosi in un ambiente reale di apprendimento funzionale, che mette al centro lo studente, il vero protagonista del percorso  di studio che affronta .

Il “digitale” in sé non è la soluzione,  ma rappresenta un'occasione, un’opportunità, una risorsa per realizzare un cambio di paradigma. E’ chiaro a tutti che una LIM non “fa primavera” e che anche un computer per studente può non rappresentare una reale novità. Senza una visione del cambiamento, fuori da un quadro di innovazione organico e globale,  il digitale perde significato anzi amplia i rischi di “semplificazione” dei processi di apprendimento. 

Si cresce apprendendo cose nuove, ma anche sviluppando la curiosità, il piacere della scoperta, il protagonismo della costruzione delle competenze così come la capacità di stare con gli altri, di ascoltare e di comunicare. E’ in questo contesto che il digitale diventa una risorsa perché può permettere di ribaltare un paradigma: passare da una organizzazione nata per trasmettere conoscenze ad un ambiente di apprendimento.
(tratto da SCUOLA DIGITALE: perchè passare dalla scuola digitale all' innovazione della scuola, di Giovanni Biondi, pres. INDIRE, 16.09.2016)

Il valore aggiunto delle nuove tecnologie nell' insegnamento  articolo di Pietro Alotto

Come imparare le tecnologie per imperare con le tecnologie   GianfrancoMarini blogspot


Per questo il corpo docenti del liceo ritiene che sia di fondamentale importanza confrontarsi con le nuove tecnologie e  pratiche didattiche  per riflettere sul loro utilizzo  mirato all' accrescimento della cultura degli allievi.

Nell' ottica di una didattica sempre più rispondente alle richieste del ventunesimo secolo  il Liceo ha organizzato un corso di aggiornamento interno sulla FLIPPED CLASSROOM e nuove tecnologie per la didattica digitale, che ha coinvolto quasi la metà del corpo docenti, tenuto dal prof.  Augusto Leone, dalla prof.sa  Cristina Prandi e dalla prof.sa Daisy De Gioannini, animatore digitale della scuola.  

Si tratta di ripensare in modo totalmente nuovo il tempo scuola, rendendolo più funzionale e motivante per gli studenti. Tutto questo si concretizza con lezioni preparate su misura dagli insegnanti per le classi, che gli studenti fruiranno a casa sotto forma di video e altre tipologie di materiali, mentre nelle ore mattutine verranno seguiti dai docenti in esercitazioni laboratoriali a piccoli gruppi, per approfondire e fissare le conoscenze.

Questo perché, nell’attuale società, l’insegnante non può più limitarsi ad essere un mero trasmettitore di sapere, ma deve porsi nel ruolo di interprete e decodificatore del medesimo. Il sapere a sua volta, nel mondo della multimedialità non è più confinato all’interno delle mura scolastiche, ma gli studenti ne possono avere l’accesso anche dalle proprie case.
Infine, questa scelta didattica si sposa pienamente con la filosofia di una didattica sempre più “dell’inclusione”, che la nostra scuola persegue ormai da molti anni: il setting collaborativo dello studio a scuola, permette a tutti gli studenti di attivare le proprie competenze cognitive, lavorando con i compagni e sviluppando allo stesso tempo anche le indispensabili competenze di cittadinanza.


 "APP PER PROF"  playlist di video di didattica digitale innovativa (in Italiano): video introduzione e scenari didattici per applicativi 2.0 curata dall' esperto Luca Raina

TTV: TEACHER TRAINING VIDEOS Sito ricco di video sulla didattica digitale (in Inglese) curato da Russell Stannard, tra i migliori innovatori  e ricercatori nel panorama didattico   mondiale.

LA CLASSE CAPOVOLTA: UNA RIVOLUZIONE NEL MODO DI PENSARE... E DI STUDIARE   Link al sito NUOVO E UTILE, di Annamaria Testa

"IL COMPITO AUTENTICO: IMPARARE AD IMPARARE" intervento della dott.ssa Paradisi al convegno internazionale sulla didattica capovolta a Roma, 24.02.2017


IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO DigComp 2.0
Le 8 competenze digitali che i nostri alunni devono avere


Il World Economic Forum ha stilato una lista delle 8 competenze necessarie e sulle quali il mondo dell’istruzione deve investire tempo, risorse e attenzione:

Digital identity: la consapevolezza della propria presenza online, e la capacità di gestirla al meglio. Si tratta di saper gestire la propria reputazione e la propria presenza on line.

Digital use: la capacità di utilizzare dispositivi e sistemi differenti.

Digital safety: l’abilità di riconoscere ed evitare i rischi connessi all’uso del digitale, ovvero saper risconoscere i rischi di cyberbullismo, radicalizzazione, violenza, oscenità.

Digital security: L’abilità di riconoscere i pericoli di hacking, truffe o malware e comprendere quali siano le pratiche necessarie per proteggere i propri dati e i propri device.

L’empatia digitale o Digital emotional intelligence: l’intelligenza emotiva che permette di approcciarsi con consapevolezza all’altro anche dietro ad uno schermo.

La comunicazione digitale: la capacità di comunicare e collaborare con farsi capire con gli altri attraverso l’uso di tecnologia e media.

L’alfabetizzazione digitale: la capacità di trovare informazioni on line, valutarne la credibilità, creare propri contenuti e condividerli nel modo migliore.

I diritti digitali: essere consapevoli del diritto alla libertà di parola e di pensiero, ma anche del diritto alla privacy, alla proprietà intellettuale e dell’ancora discusso diritto all’oblio.


fonte: https://2.bp.blogspot.com/-sHcKgtOMaGY/V2gLq3NvvpI/AAAAAAAAMNo/GEXpAKyVPPIr9vkZ-nUn5rvCQrBNgsixwCLcB...